Szczesny 6: tre buone parate nel primo tempo due con i piedi su Politano e Defrel ed un altra sotto la traversa su un altra conclusione di Politano, un po’ incerto nel gioco con i piedi sbaglia anche qualche rinvio, nella ripresa quasi spettatore non pagante.

Manolas 6: dopo un primo tempo un po’ incerto e con qualche errore di troppo, si fa beffare da Berardi nell’occasione del primo gol degli emiliani, si riscatta nella ripresa impeccabile in ogni chiusura.

Fazio 5,5: in difficoltà su Defrel che si muove molto ed è più veloce, sbaglia anche qualche appoggio regalando alcuni palloni agli avversari.

Rudiger 6: anche lui balla più del dovuto nel primo tempo, dove però sfiora il gol di testa, meglio nella ripresa quando si deve disimpegnare da esterno destro in una ridisegnata difesa a 4.

Bruno Peres 5: delude ancora una volta; non una iniziativa degna di nota, sbaglia puntualmente le scelte quando arriva al dunque, incerto anche in fase difensiva.

Paredes 7: bellissimo il gol del pareggio con un gran tiro a giro sul secondo palo, ma è la prestazione che convince del giovane argentino che insieme a Strootman si carica la squadra sulle spalle, splendide alcune aperture come quella di esterno di prima su El Shaarawy, sempre pericoloso anche sulle palle da fermo che si assume la responsabilità di battere.

Strootman 7,5: come Giovedì Kevin si conferma il migliore in campo, recupera una gran quantità di palloni che spesso trasforma in azioni pericolose, cerca sempre la profondità talvolta anche esagerando, offre l’assist a Dzeko dopo una splendida triangolazione per il gol che chiude il match, trascina letteralmente la squadra a questa vittoria.

Emerson Palmieri 6,5: non bene in fase difensiva nel primo tempo, Politano lo mette in grande difficoltà quando lo punta, ma molto bene in fase di spinta dove coglie una clamorosa traversa con un gran sinistro. Nella ripresa Di Francesco cambia gli esterni mettendo dalla sua parte Berardi e complice anche un calo del Sassuolo non fatica a contenerlo.

Salah 6: pronti via e la difesa del Sassuolo gli regala il pallone davanti al portiere, l’egiziano colpisce forse troppo bene la sfera e Consigli si supera, dopo però sparisce dalla partita per riapparire sulla respinta del tiro di El Shaarawy mettendo il pallone alle spalle del portiere emiliano. Nella ripresa sfiora la doppietta su un lancio manco a dirlo di Strootman ma calcia largo con il destro in corsa.

Nainggolan 5: nel primo tempo sembra non trovare la posizione giusta, non entrando praticamente in partita, complice probabile la stanchezza avendo giocato sempre 90 minuti in questo tour de force della squadra, un po’ meglio nel centrocampo a 3 della ripresa ma nel complesso la prestazione è insufficiente.

El Shaarawy 6: la cosa più bella ed importante la fa sicuramente nel finale del primo tempo quando si presenta in area su un lancio di Paredes ed il suo tiro a botta sicura viene respinto da Consigli e corretto in rete da Salah.

Dzeko 6,5: ( dal 60′ al posto di B. Peres ) decisivo il suo ingresso in campo, oltre al gol, svolge un lavoro importante di pressione sulla difesa del Sassuolo, non è un caso che la Roma con il suo ingresso diventa assoluta padrona del gioco, Consigli in due circostanze gli nega la gioia della doppietta che gli avrebbe consentito di agganciare Belotti in testa alla classifica marcatori.

Perotti 6: ( dal 76′ al posto di Salah) un paio di spunti dei suoi che hanno spaccato la difesa del Sassuolo davvero interessanti, si vede che ha voglia di giocare cercando molto anche la via della porta.

De Rossi ng: ( dall’87’ al posto di Paredes)

Spalletti 6,5: partita a due volti con un primo tempo giocato assai male ed una ripresa che con l’ingresso di Dzeko ed una squadra ridisegnata con un 4-3-3 giocata a buoni livelli, dimostrando che questa squadra non può prescindere dalla presenza in campo del centravanti bosniaco, non solo per i gol ma proprio per il suo lavoro tattico dal quale la squadra trae giovamento.