Luca Lotti, ministro dello Sport, ha rilasciato ieri una dichiarazione ai microfoni de Il Romanista durante l’evento “Lo sport nell’economia italiana” organizzato da Agol, riguardo le ultime novità sullo Stadio della Roma. Queste le sue parole:

Con tutti i suoi rallentamenti lo stadio della Roma può aver rappresentato un disincentivo, invece che una vetrina, per gli investitori stranieri?
Mi sono molto battuto per la realizzazione e per l’accelerazione dei procedimenti amministrativi che riguardano lo stadio della Roma. Qui combattiamo contro un mostro burocratico-amministrativo che dobbiamo ancora ridurre e riorganizzare. Credo che l’investimento straniero oggi dalla vicenda Stadio della Roma possa guardare con fiducia all’Italia. Ci abbiamo messo magari un anno, ci siamo rallentati per la differenza di colore politico delle varie amministrazioni, e sicuramente dobbiamo imparare a fare più sinergia a prescindere da chi governa Comune, Regione e governo nazionale. Per gli investimenti esteri in Italia alla fine siamo arrivati al punto in cui siamo. I lavori spero possano iniziare nel 2018 ed è un’iniziativa da replicare anche in altre discipline.

Fonte: Il Romanista