“Il diverbio con Ronaldo? Lasciamo perdere quello che succede in campo. Abbiamo buttato due volte la palla fuori noi, lui invece l’ha giocata. Lui è pallone d’oro e pensa di avere il diritto di fare quello che ha fatto e io ho cercato di continuare a giocare. I 3 punti? Importanti, ora dobbiamo non pensare più alla classifica ma dobbiamo vincere le prossime due partite e dare tutto come stasera. Poi vedremo dove saremo. Sappiamo di non aver fatto l’annata che volevamo, ci sono tanti motivi, ma queste annate ci sono, in cui non raccogli quello che semini, un po’ per sfortuna e un po’ per demerito di tutti. Dobbiamo finire il campionato senza rimpianti, al 90′ contro il Parma dobbiamo guardarci negli occhi e sapere che abbiamo dato tutto quello che avevamo, poi quello che sarà sarà. La prestazione? Sapevamo che non era facile vincere contro la Juve, non è mai facile. Abbiamo giocato per vincere ma cercando di non perdere. Il mister oggi ha fatto delle scelte giuste, e penso che l’entrata di Ünder è stata fondamentale, ci è mancata tanto, è stato bravo, così come Kluivert che ha speso tantissimo anche aiutandomi in difesa. Questo significa che con la testa e con le gambe ci siamo, abbiamo corso per 90 minuti”