Solidarietà e inclusione. Due parole che fanno la differenza e significano tanto. Lo sa bene Francesco Colnaghi, fondatore dell’Atletico Appio e del progetto sociale Atletico Nativity, che si svolge nella parrocchia della Natività, a due passi da san Giovanni in Laterano. Nel 2016 Francesco si è reso conto che il calcio non è accessibile a tutti: oggi un aspirante calciatore, fin da piccolo, deve essere perfetto fisicamente e disposto a spendere tanti soldi per imparare a giocare a calcio, altrimenti nessuno investe su di lui e lo prende in squadra. E’ ingiusto che un bambino debba sottostare a queste logiche di mercato per coltivare la passione del calcio. Francesco allora ha aperto le porte a tutti, insegnando a giocare a calcio  a chi non poteva permetterselo, a chi aveva difficoltà e veniva considerato “fragile”. Nel 2016, 5 ragazzi, Basilio Fabrizio ed Enrico Ghera hanno creduto in Francesco, buttandosi a capofitto per realizzare il progetto. Nel 2021 più di 100 atleti, 5 squadre e tantissime persone credono nel progetto di Francesco. Lui dice sempre: “Impossible is nothing” per indicare che si possono abbattere le barriere, di tutti i tipi e, nei prossimi mesi è intenzionato a fare di più. Avendo nello staff Rita Fabozzi, educatrice e Assistente alla Comunicazione e avvalendosi della collaborazione di una cooperativa che opera nell’ambito della disabilità, Francesco desidera offrire ancora più opportunità per tutti coloro che sono considerati “fragili”, con molti progetti che prenderanno vita in estate. Se vi capita di passare dalla parrocchia della Natività, comunque, fate un salto a vedere questa splendida realtà: vedrete un parcheggio diventato un campo di calcio, tutti gli atleti che imparano a giocare a calcio in modo sano e sportivo e, soprattutto, Francesco che vi accoglie, sempre. Il nostro augurio che quella stella nel cuore di Roma diventi una galassia e che possa risplendere luminosa nel firmamento sportivo della Capitale.

Contatto facebook

SITO WEB

a destra il presidente Francesco Colnaghi
Francesco Colnaghi e Basilo Fabrizio

Allenamenti
piccolo Campione cresce